Asset 1

1992

Intuizione, coraggio e passione.

Due sorelle, Cinzia e Libera Ciccomascolo, un solo dipendente e un garage come sede. È l’anno 1992 e nasce Ladybird house.

1994

Nel 1994 entra il primo marchio.

Si tratta di Ibd brand americano punto di riferimento per i tecnici della Ricostruzione Unghie. Una tecnica sconosciuta nel nostro Paese, quella della ricostruzione, che Ladybird house fa conoscere e amare a molte donne italiane.

1996

Trascorrono due anni e il portfolio marchi si allarga.

A Los Angeles c’è un marchio che ha fatto la storia della manicure inventando lo stile French. Si tratta di ORLY , siamo nel 1996 e il brand americano è alla ricerca di un distributore per il Bel Paese. L’incontro tra Ladybird e ORLY sancisce la nascita di questa nuova collaborazione e colora l’Italia.

Quando un unico stand era capace di ospitarci tutti. Oggi serve spazio!

2000

Negli anni l’azienda cresce, aumenta la domanda le donne sono sempre più innamorate di tutto quanto offre il settore nail.

Il magazzino dell’azienda è sempre più in fermento e diviene necessario avere qualcuno che si occupi esclusivamente della sua gestione. Ladybird house diviene una SRL e Alberto Rebecchi entra a far parte della società.

2002

Dopo un lungo corteggiamento da parte del brand americano, nel 2002, entra in casa Ladybird house il marchio CND.

Il brand Californiano era conosciuto per possedere i migliori prodotti per la ricostruzione in acrilico, ed era difficile allora immaginare che in poco tempo avrebbe rivoluzionato l’industria nail. Nel 2009 arriva sul mercato lo smalto semipermanente e la linea CND SHELLAC che dal 2010 verrà distribuito anche in Italia.

Volti tesi. Che emozione e paura il debutto in passerella adesso siamo molto più allenati… si sorride!

2006

Ladybird house intraprende una sfida importante, tutt’ora in corso, per il riconoscimento della professione di Tecnico delle Unghie in Italia.

La battaglia si avvia quando nel 2006 Ladybird house viene riconosciuta da Habia, l’Ente governativo inglese che eroga la formazione professionale a livello statale per il settore dell’acconciatura e dell’estetica, come proprio rappresentante italiano. Per raggiungere l’obiettivo è però importante avere il riconoscimento delle parti politiche che si mostrano invece contrarie. L’azienda continua a credere nella causa e non si dà per vinta.

Da una parte all’altra del tavolo di lavoro

2011

Negli anni il mondo della ricostruzione si è evoluto, la tecnologia dei prodotti ha raggiunto standard sempre più avanzati permettendo performance estreme e lasciando sempre più spazio alla creatività dei nail artist.

EzFlow era il marchio di riferimento per i professionisti più creativi del mondo nail e il produttore americano identifica in Ladybird house il distributore perfetto per portare i suoi prodotti in Italia. È il 2011 e nasce la collaborazione tra EzFlow e Ladybird house.

2016

Per più di 20 anni Ladybird house ha colorato la bellezza di molte donne e insieme alla consapevolezza di fare bene il proprio lavoro, sente sempre più forte il desiderio di fare del bene con il proprio lavoro.

Dalla fine del 2016 e per tutta la durata dell’anno successivo Ladybird house decide di finanziare il progetto Gold for Kids della Fondazione Umberto Veronesi e, a questo scopo, decide di devolvere alla Fondazione una percentuale del ricavo proveniente da ogni prodotto venduto dei brand distribuiti.

2017

Il mondo della bellezza, inteso come gesti e rituali di ogni giorno, si muove a un nuovo ritmo, assume una prospettiva differente e diviene più consapevole.

Si parla di Slow Beauty, un nuovo approccio alla bellezza e al benessere in generale, una filosofia in cui Ladybird house riconosce molte delle donne a cui parla ogni giorno.

Da tempo SpaRitual, brand californiano, si è fatto promotore di questo nuovo approccio anche nel settore nail. Dall’incontro tra SpaRitual e Ladybird house emerge forte sintonia e nel 2017 il marchio inizia la propria distribuzione anche in Italia.

Un tempo era tutto a portata di mano!